Esperienza e carattere al servizio della squadra. Il terzo arrivo in casa CUS Cagliari basket per la stagione 2019/2020 è Arianna Landi.
La playmaker/guardia, 178 cm, classe 1996, arriva dall'Akronos Moncalieri. La sua carriera è iniziata tra le mura amiche della Libertas Bologna, dal 2011 al 2015 in A2. Nel 2015/2016, il passaggio alla OMC Cignoli Broni con la conquista della Coppa Italia. Poi è arrivata la A1 e la vittoria dello scudetto con la maglia della Gesam Gas Lucca. 
Nel 2017/2018, la stagione tra Umbertide e Palermo prima dell'annata a Moncalieri, chiusa con 31 gare giocate; 4,4 punti di media; 2,9 assist; 4,5 rimbalzi e la sconfitta nelle semifinali dei playoff promozione per la A1. 
Per lei, un lungo percorso anche nelle nazionali giovanili. Lo scorso fine settimana, il nuovo acquisto del CUS Cagliari ha partecipato con la maglia della Nazionale Italiana alla "FIBA 3x3 Under 23 Nations League" dopo aver disputato l'"European Games 3x3" a Minsk nel mese di giugno.
«Non vedo l'ora di conoscere le mie nuove compagne di squadra – racconta Arianna Landi – Non ho mai avuto modo di giocare assieme a nessuna di loro. Sono carica per iniziare». Uno dei motivi che l'ha spinta ad accettare la proposta del CUS Cagliari è legato alla final four di Coppa Italia di A2 «Ho scelto il CUS perché ho un ricordo bellissimo della società. Qualche anno fa ho accompagnato le mie ex compagne di squadra della Libertas Bologna a giocare le finali di Coppa Italia di A2 al PalaCUS. Avevo capito da subito che era una società organizzata, con al seguito un centro universitario molto bello».
Landi si unisce ai primi due acquisti di questa stagione - Paola Novati arrivata dall'Andros Palermo eAnna Ljubenovic dalla Libertas Basket School Udine – e alle confermate Erika Striulli, Eugenia Caldaro, Rachele Niola, Arianna Puggioni. 
«È una esterna che ha fatto un bel percorso giovanile nelle nazionali. Ha avuto esperienze interessanti a Lucca, Bruni e Moncalieri. È una guardia molto versatile, molto fisica che sa fare tutto bene, in particolare difendere» dichiara il responsabile del settore basket CUS Cagliari, Mauro Mannoni.
Nel nuovo CUS Cagliari non ci sarà Giulia Ridolfi. A lei, i ringraziamenti del responsabile del settore: «Voglio ringraziala per i due anni passati con noi. Ha dimostrato di essere una grande ragazza, molto seria, attaccata al CUS e affidabile perché in due campionati ha giocato 60 partite su 60. Al di là delle scelte che si fanno nel percorsi sportivi e non, va, da parte del CUS, un grande ringraziamento e il nostro in bocca al lupo» conclude Mannoni.

Partner